Physical fitness and maximum number of all-out hikidashi uchi-komi in judo practitioners

Saved in:
Bibliographic Details
Title translated into Italian:Forma fisica e numero massimo di esecuzioni di hikidashi uchi-komi in atleti praticanti judo
Title translated into German:Die körperliche Leistungsfähigkeit und die maximale Anzahl der ausgeführten Hikidashi Uchi-Komi von Judokas
Author:Del Vecchio, F.B.; Dimare, M.; Franchini, E.; Schaun, G.Z.
Published in:Medicina dello sport
Published:67 (2014), 3, S. 383-396, Lit.
Format: Publications (Database SPOLIT)
Publication Type: Journal article
Media type: Electronic resource (online) Print resource
Language:English, Italian
ISSN:0025-7826, 1827-1863
Keywords:
Online Access:
Identification number:PU201502001601
Source:BISp

Author's abstract

Aim: The aim of this paper was to test the sensitivity and reproducibility of a high-intensity anaerobic test with maximum basic judo technique repetitions (hikidashi uchi-komi, HD), considering sex and different levels of proficiency. Additionally, to correlate the performance in HD tests with general physical fitness of judo players. Methods: Two cross-sectional studies were conducted with independent samples and places of practice. In them, the HD in 20 s, 30s and 40s (HD20, HD30 and HD40, respectively), as well as evaluation of vertical jump, impulsion of upper limbs, suspension on the rope, sit-up and push-ups tests have been applied. Results: the Intraclass Correlation Coefficient (ICC) values were 0.93; 0.87 and 0.71 for HD20, HD30, HD40, respectively. In addition, the results of advanced athletes were statistically superior to that of beginners (HD20: 24 +/- 4 and 22 +/- 2; HD30: 37 +/- 5.3 and 34 +/- 4.1; HD40: 50 +/- 8.2 and 46 +/- 5.5 repetitions with P=0.03 for all tests). Furthermore, the HD tests correlated with physical fitness. Discussion: The HD20, HD30 and HD40, seek to: 1) evaluate the anaerobic component of Judo athletes and 2) offer a reference for prescribing high-intensity interval training. They are advantageous because: 1) a larger number of athletes can perform the tests at the same time; 2) it needs small space for its execution, 3) displays execution times similar to those seen during periods of efforts in the matches; 4) have low technical complexity and 5) are rather used as means for physical fitness improvement for judo athletes. Conclusion: The all-out hikidashi uchi-komi tests are reproducible, able to discriminate judo practitioners by competitive levels, time of practice and sex, and show positive correlation with physical fitness measures. Verf.-Referat

Author's abstract

Obiettivo: Obiettivo del presente lavoro è stato quello di valutare la sensibilità e la ripetibilità di esercizi anaerobi di alta intensità attraverso ripetizioni massime di una tecnica basilare di judo (hikidashi uchi-komi, HD), tenendo in conto le differenze di sesso e livello di allenamento. Inoltre, si vuole correlare la performance nei test di HD con la forma fisica generale di atleti di judo. Metodi: Due studi trasversali sono stati condotti in differenti momenti e luoghi di esecuzione. In questi studi è stato calcolato il numero di HD in 20 s, 30 s e 40 s (HD20, HD30 e HD40, rispettivamente), e sono stati inoltre valutati il salto verticale, l’impulso degli arti superiori, la sospensione in corda, test addominali e flessioni sulle braccia. Risultati: i valori di ICC (Intraclass Correlation Coefficient) sono stati 0.93; 0.87 e 0.71 per il HD20, HD30 e HD40, rispettivamente. I risultati degli atleti esperti sono stati statisticamente superiori a quelli degli principianti (HD20: 24 +/- 4 e 22 +/- 2; HD30: 37 +/- 5.3 e 34 +/- 4.1; HD40: 50 +/- 8.2 e 46±5.5 ripetizioni con P=0.03 per tutti i test). Inoltre, i test di HD sono stati correlati alla forma fisica.
Disscussione: I test di HD20, HD30 e HD40 cercano di: 1) valutare la componente anaerobia di atleti di judo e 2) offrire un riferimento per la programmazione di allenamenti di alta intensità. Questi test hanno qualche vantaggio, visto che 1) un grande numero di atleti può realizzarli allo stesso tempo; 2) non è necessario un grande spazio per eseguirli; 3) hanno un tempo di realizzazione simile al tempo di esecuzione degli attacchi nelle gare di judo; 4) hanno bassa complessità tecnica e 5) sono frequentemente utilizzati dai judoka come mezzo di miglioramento della forma fisica. Conclusioni: I test di hikidashi uchi-komi sono ripetibili, in grado di discriminare il livello complessivo dei judoka, il loro grado di allenamento ed il loro genere, e inoltre mostrano una correlazione positiva con le misure di valutazione della forma física. Verf.-Referat